logo

Martedì 28 febbraio: direttamente da Genova, Antonio Andreatta

A presentarvi il nostro prossimo martedì ci pensa l’amica e socia Raffaella, che ben conosce il fotografo ospite: arriva direttamente da Genova, Antonio Andreatta. Fotografo riservato ed eclettico, con i suoi scatti abbiamo potuto trovare nuove emozioni e nuovo sguardo. Per questo non vediamo l’ora di conoscerlo e vi aspettiamo, sperando possiate sin da ora diffondere l’evento.
L’appuntamento, sempre al Caffè Letterario e sempre alle 21, è per martedì 28 febbraio. Da noi, grazie in anticipo e… buon viaggio!
“Ho conosciuto Antonio 5 anni fa, se non vado errata, in occasione di una serata d’autore presso il circolo fotografico DLF a Chiavari. Da subito mi ha colpito per l’attenzione che poneva alle immagini che scorrevano sul proiettore e le sue domande non banali. 
Più avanti conoscendolo un poco di più si è rivelato un fotografo dagli occhi grandi, un fotografo di quelli che io chiamo puliti, veri, attento alla composizione, dai bianchi e neri perfettamente calibrati e dal colore vibrante. un fotografo eclettico che spazia tra vari generi. un’amante della natura che offre attraverso i suoi panorami una visione interiore, una immersione nell’elemento terra che ci rende partecipi del momento dello scatto. la serie dei vigneti ha una poesia delicata che ci fa sentire le goccioline di nebbia sulla pelle, i paesaggi innevati hanno mille sfumature di grigio, l’autunno si tinge di calde sfumature. ma è anche un abile fotografo di strada, che coglie attimi perfetti e li compone con didascalie azzeccate. E poi è schivo, fa belle foto ma non se ne compiace, vede sempre il meglio nell’altro e sono convinta che non sappia veramente a fondo quanto siano belli certi suoi scatti, così come lui una bella persona. Dice di sé: ho tutto quel che serve per essere ottimo ma l’amalgama non è…omogenea! mai abituato all’abitudine, pessimo attor di me stesso, evasivo ed evaso, sempre ripreso, perennemente col naso all’insù da quando, bambino, la maestra diceva ad una pragmatica mamma: il suo corpo è qui, in classe, la testa non si sà dove sia, sicuramente oltre la finestra. Amo il silenzio perfetto della neve, quel totale esser solo…e ne canto le doti. Il mio è un mondo a km 0 o quasi, ma è talmente bello il suo orizzonte che non sento la necessità di andar oltre. Godetevi il viaggio.
sì perché con lui vi potrete godere il mondo coi suoi occhi”.
 
Raffaella Castagnoli
 
I martedì di Lunicafoto
c/o Caffè Letterario
Piazza della Repubblica, Pontremoli

Leave a Reply

*

captcha *